Vitamine

PRINCIPIO ATTIVO

Vitamine

Le vitamine sono un composto organico e un nutriente essenziale che un organismo richiede in quantità limitate. Un composto chimico organico (o un gruppo correlato di composti) viene chiamato "vitamina", quando l'organismo non è in grado di sintetizzare quel composto in quantità sufficiente e pertanto deve ottenerlo attraverso l'alimentazione; in tal modo, il termine "vitamina" è condizionato dalle circostanze e dal particolare organismo. [¹]
vitamina-a1

VITAMINA A

vitamina-d2

VITAMINA D

vitamina-e3

VITAMINA E

vitamina-f4

VITAMINA F

PROPRIETÀ GENERALI

VITAMINA A: A livello del derma la vitamina A agisce, invece, determinando un aumento della produzione di collagene, con un conseguente miglioramento di quella “struttura di sostegno” che contribuisce a conferisce tono ed elasticità alla pelle. Fonte
VITAMINA D: Regola la proliferazione dei cheratinociti aiutando il rinnovamento cellulare. Regola e protegge le strutture cellulari durante la vita delle cellule stesse. Genera un'attività riepitelizzante e rivascolarizzante, fondamentale nel facilitare la guarigione dalle ulcere cutanee e da lesioni di vario genere.
VITAMINA E: Migliora le condizioni della pelle, agendo a protezione dei lipidi presenti nelle membrane cellulari, mantenendone un'ottima idratazione. Svolge inoltre una positiva azione antinfiammatoria e di difesa dall'invecchiamento.
VITAMINA F: La vitamina F, mantenendo fluida la membrana cellulare, nutre la pelle rendendola morbida ed elastica e stimola una rapida rigenerazione cellulare.

PER SAPERNE DI PIÙ

VITAMINE
Le vitamine,in campo cosmetico, sono particolarmente utili nella prevenzione e nel trattamento di numerosi inestetismi. Sono composti essenziali per la vita dell’uomo, che in linea di massima non vengono sintetizzati direttamente dall’organismo e per questo devono essere assunti attraverso la dieta. Un modo per classificarle è in base alla loro solubilità:

VITAMINE IDROSOLUBILI

Vitamina B1 (tiamina)
Vitamina B2 (riboflavina)
Vitamina B3 (niacina)
Vitamina B5 (acido pantotenico)
Vitamina B6 (piridossina)
Vitamina B8 o Vitamina H (biotina)
Vitamina B9 o Vitamina M (acido folico)
Vitamina B12 (cobalamina)
Vitamina C (acido ascorbico)

VITAMINE LIPOSOLUBILI

Vitamina A (retinolo ed analoghi)
Vitamina D (ergocalciferolo D2 e colecalciferolo D3)
Vitamina E (tocoferolo)
Vitamina K (derivati del naftochinone)
EFA (acidi grassi essenziali)
Vitamina F

Le vitamine sono una grande risorsa per la pelle non solo se assunte per via orale, attraverso l’alimentazione o con integratori, ma anche se veicolate con creme arricchite! Infatti notevoli sono gli effetti determinati, ma solo da alcune delle vitamine che noi comunemente conosciamo.

Nel campo cosmetico le vitamine più utilizzate e con un ‘azione interessante, mirata alla prevenzione dei fenomeni ossidativi, sono la vitamina A, C, E e alcune delle vitamine del gruppo B.

La prima ad essere utilizzata per i suoi effetti sul derma è stata senza dubbio la vitamina A, ad oggi presente in forme esterificate di retynol palmitate e acetate, tuttavia le vitamine più richieste ed utilizzate sono senza dubbio la vitamina C e la vitamina E. Parliamo cioè di acido ascorbico e tocoferolo, anche in questi casi non puri, ma esterificati per permettere una migliore resistenza nel cosmetico ed agire in maniera attiva sul derma ( ascorbyl palmitate, tocopherol acetate).

La vitamina C è nota non solo per le sue proprietà antiossidanti, ma anche per le sue proprietà foto-protettive, schiarenti e come protettrice dei capillari. Un vero elisir di bellezza se formulata opportunamente, in quanto la vera limitazione del suo uso, sta proprio nella sua alta instabilità chimica che la rendono particolarmente sensibile alla luce, alle alte temperature e ne determinano una facile disattivazione.

Lo stesso dicasi per la vitamina E, comunemente nota come tocoferolo, attiva sul derma in forma massiva grazie al suo grande potere antiossidante che contrasta i danni dei radicali liberi e quindi l’invecchiamento cutaneo. Non è del tutto noto il suo meccanismo d’azione, tuttavia è stata dimostrata la sua alta specificità per i tessuto cutaneo. Anche in questo caso però bisogna utilizzare il prodotto in forme esterificate e modificate per preservarne la stabilità.

Quindi attenzione alle etichette e a quanto vi viene detto, un prodotto puro non sarebbe funzionale in quanto perderebbe le sue proprietà ancor prima di essere confezionato, invece, forme acetilate o esterificate riescono a preservare la loro integrità e a renderli attivi una volta giunti sul derma.

Fonte: [1]